Presidio in solidarietà con le imputatx nell'Operazione Lince
Presidio in solidarietà con le imputatx nell'Operazione Lince
11 months ago
Tribunale di Cagliari
Cagliari, piazza Repubblica

PRESIDIO AL TRIBUNALE DI CAGLIARI IN SOLIDARIETÀ CON LE IMPUTATX PER L'OPERAZIONE LINCE.

Giovedì 23 marzo alle ore 9:00 in Corte d'Assise del Tribunale di Cagliari si terrà una delle tante udienze dell'Operazione Lince, che vede una quarantina di persone imputate a causa del loro impegno nella lotta antimilitarista e contro l'occupazione militare in Sardegna.

Dalle migliaia di pagine prodotte dalla Questura tra il 2015 e il 2019 emerge chiaramente come questa operazione non si focalizzi semplicemente su un determinato gruppo, ma, attraverso le decine di persone coinvolte, miri a criminalizzare una lotta e le sue svariate pratiche. Nonostante venga scomodato il reato di  cui all'art. 270bis c.p. (Associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico) per cinque compagni e compagne, infatti, i capi di imputazione che la fanno da padroni in questa Operazione sono perlopiù legati ad iniziative in piazza e alle basi militari sarde. Iniziative che vedevano tante persone con sensibilità differenti lottare in tanti modi diversi per un obiettivo comune: tagliamo le reti, entriamo nella base e blocchiamo le esercitazioni.

Lo vogliamo dire a gran voce che a bloccare la macchina della guerra c’eravamo e continuiamo ad esserci tutte, tuttx, tutti

Come c'eravamo questo ultimo 8 marzo fuori dalla base NATO di Capo Teulada con un corteo separatista blindato da camionette e brutti ceffi in divisa, c'eravamo il 19 dicembre 2021 a Capo Frasca, l'8 marzo 2022 a Decimomannu, il 22 maggio 2022 a Capo Teulada, e ci saremo il 28 aprile a Decimomannu.

C'eravamo e ci siamo perchè come femministe, donne, lesbiche, persone trans* e non binarie sappiamo che senza militarismo non c'è patriarcato e che questi sistemi sono interconnessi, le nostre elaborazioni teoriche e le nostre pratiche vogliono metterlo in luce e farla finita con entrambi.

Così come vogliamo farla finita con i Tribunali e i loro sgherri che perquisiscono, processano e incarcerano le nostre compagnx per non aver abbassato la testa. Siamo solidali con chi è colpitx dalla repressione per la sua presenza nelle lotte; siamo solidali con Alfredo Cospito cui hanno negato non solo di camminare libero, ma pure di autodeterminare il proprio corpo e le proprie cure; siamo solidali con la nostra compagna da poco perquisita a Cagliari per aver partecipato nel maggio 2022 ad un'azione dimostrativa di fronte al Comando Militare della Sardegna; siamo solidali con le nostre compagnx imputatx dell'Operazione Lince che hanno lottato e lottano contro le basi e il militarismo. 

Ancora una volta ci teniamo a sottolineare che il nostro è un posizionamento non solo solidale verso chi lotta ed è perseguitata/x/o da sa zustissia, ma coinvolto: rientriamo fra i soggetti politici oggetto di repressione e prendiamo parola in quanto tali.

Per questo il 23 marzo alle 9:00 saremo davanti al Tribunale di Cagliari e invitiamo a partecipare numerosamente!

I nostri corpi e la terra che con essi attraversiamo non sono luoghi di conquista: scegliamo di farne luoghi di resistenza.

Assemblea Lotto3Antimilitarista